PrimaDaNoi 02/02/2016

Elettrodotto Villanova – Gissi in esercizio? Ecco altre foto che «smentiscono» Terna

Cavi appesi (alcuni tra gli alberi!) o mancanti; isolatori mancanti; carrucole ancora in posizione

Cavi mancanti, cavi a penzoloni sugli alberi o a terra, isolatori mancanti, carrucole posizionate con cavi mancanti o pendenti, operai appesi a lavoro su diversi piloni, cavi non tesi. «Questo sarebbe un elettrodotto in esercizio? Capiamo che non siamo esperti come afferma di esserlo una gigante come Terna, ma veramente questa volta facciamo fatica a trovare le parole per commentare quello che abbiamo visto e documentato stamattina». Continua a leggere qui.

20160202_Primadanoi

Abruzzolive.tv 01/02/2016

‘No elettrodotto’… e Terna la trascina in tribunale. Al via processo civile

Si oppone, semplicemente partecipando ai presidi, alla realizzazione dell’elettrodotto Villanova-Gissi e il colosso Terna la trascina in tribunale. Lei è Silvia Ferrante, 37 anni, di Paglieta (Ch) che, assieme ad altre migliaia di cittadini e proprietari terrieri, hanno combattuto la realizzazione della mostruosa opera. Un’opposizione che ha portato Terna a farle recapitare 24 citazioni civili, con richiesta danni per complessivi16 milioni di euro. Oggi la prima udienza, del primo dei 24 procedimenti, dinanzi al giudice Cleonice Cordisco, in tribunale a Lanciano (Ch) e, davanti al palazzo di giustizia, presidio di solidarietà degli attivisti del Comitato anti elettrodotto. Il processo è stato rinviato al 16 maggio prossimo. Parlano la protagonista della vicenda e il marito, Luca Cicerchia.

20160201_Abruzzolive tv

Global Voices 29/01/2016

Davide vs Golia: l’Abruzzo ‘polmone d’Europa’ si batte contro il gigante energetico Terna

Di Andrea Cangialosi

Silvia Ferrante conduce una vita tranquilla. Cinque anni fa, si è di nuovo trasferita da Roma alla sua casa paterna in campagna. Lì, con il suo uomo, sognava di far crescere il figlio, Libero, in stretto contatto con la natura.

Ma il 29 novembre dell’anno scorso, la madre italiana 37enne è diventata protagonista di una battaglia legale da incubo in stile Davide contro Golia, quando la società energetica italiana Terna SpA [it, come tutti gli altri link], parte del gruppo Enel, le ha sbattuto contro una causa legale da 16 milioni di euro. Continua

20160129_GlobalVoices

L’opinionista 03/12/2015

Legambiente e WWF: Terna si fermi!

ABRUZZO – Legambiente e WWF chiedono a Terna, la quale dichiara che “competenza, professionalità e senso dell’etica sono il miglior biglietto da visita all’interno e all’esterno dell’azienda”, di fermarsi rispetto ai ventiquattro atti di citazioni e alla richiesta di 16 milioni di euro di danno a carico di Silvia Ferrante.

Continua a leggere su lopinionista.it

20151203 Legambiente e WWF Terna si fermi_cover

Lanciano24.it 02/12/2015

Da Lanciano, Castel Frentano e Paglieta solidarietà a Silvia, citata per 16 milioni dalla società che vuole costruire l’elettrodotto

LANCIANO. Castel Frentano, Lanciano e Paglieta si stringono intorno a Silvia Ferrante e alla sua famiglia: i tre Comuni che più di altri si sono opposti al passaggio sul proprio territorio dell’elettrodotto Villanova-Gissi, manifestano pubblicamente solidarietà alla cittadina citata, con 24 atti diversi, per un totale di 16 milioni di euro da parte della società che sta realizzando l’opera.

Continua a leggere su Lanciano24.it

20151202 comuni solidarietà a Silvia_cover

TGMAX 02/12/2015

No Elettrodotto: Terna cita mamma attivista per 16 mln di euro

Lanciano, servizio Tgmax 2 dicembre 2015. “Un atto arrogante e intimidatorio”, così i sindaci di Lanciano, Castel frentano e Paglieta definiscono il comportamento di Terna che cita in giudizio 24 volte per 16 milioni di euro complessivi Silvia Ferrante, mamma di 37 anni, attivista del comitato di cittadini che si oppongono alla realizzazione dell’elettrodotto Villanova-Gissi ad altissima tensione. Un intero territorio ha dimostrato solidarietà a Silvia e alla sua famiglia, gremita la ex casa di conversazione a Lanciano. Terna, patrocinata dall’avvocato Giulia Bongiorno, oltre a denunce penali contro i sit in messi in atto dai proprietari dei terreni interessati dagli espropri e i cittadini attivisti, ha citato in giudizio civile una cinquantina di persone. Ferrante è la sola ad aver avuto 24 citazioni.