Report age 04/02/2016

Elettrodotto. Terna gioca d’anticipo sulle verifiche, il Mina ‘forse’ accerterà eventuali danni

Sono 11 le prescrizioni, a tutela dell’ambiente e delle popolazioni raccolte sotto i pali e i cavi dell’elettrodotto Villanova-Gissi, che Terna rete Italia ha osservato in ritardo. La determina ministeriale svela ciò che in molti da tempo denunciavano: la società non avrebbe nemmeno atteso la conclusione della verifica di ottemperanza per poter partire con i lavori. In breve, Terna poteva aprire i cantieri solo se la verifica sull’osservanza delle prescrizioni (del decreto 510/2011) fosse risultata positiva. E invece, il colosso dell’elettricità è partito a razzo, lo prova un comunicato che avvisa della messa in esercizio della nuova linea, lo scorso 31 gennaio. Ora che succede, si smonta tutto e si ricomincia da capo? Continua a leggere qui.

20160204_Report-age

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Quanto fa? *