Elettrodotto: “fa chiù guaje la scienz che l’ignoranza”.

presid

L’AUTORITA’ DI BACINO STRIGLIA TERNA – UN VECCHIETTO PASSANDO SOTTO LA PREFETTURA DI CHIETI BISBIGLIA “ FA CHIU GUAIE LA SCIENZE CHE L’IGNORANZA”.

DICIANNOVESIMO GIORNO/NOTTE di indignata silenziosa protesta davanti al portone della Prefettura di CHIETI al civ. 97 mentre si attendono i dovuti ed improcrastinabili atti di sospensione dei lavori da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti d’intesa con il Presidente della Giunta Regionale in ottemperanza degli artt. 27 e 28 del D.P.R. 380/2001 e da parte del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in ottemperanza degli artt. 28 comma 1 bis e 29 D.Lgs. 152/2006, viene fuori la bocciatura dell’opera anche dall’Autorità di Bacino la quale attraverso la nota prot. RA/214876 del 20 agosto 2015 indirizzata a Terna Rete Italia S.p.a. striglia a dovere quest’ultima rimarcando quanto segue: La “mancanza di indicazioni da parte dei …………Comuni” lamentata da codesta Società non autorizza la stessa a sostituirsi ai Comuni per quanto concerne l’eliminazione dei vincoli di pericolosità discendenti dai graficismi da pericolosità da scarpata, né tantomeno all’Autorità di Bacino o alla Regione Abruzzo per quanto attiene la disciplina di tali vincoli. Pertanto i vincoli da pericolosità da scarpata sono da intendersi pienamente vigenti, così come dalle Norme di attuazione del PAI e relativi allegati, fino alla data di pubblicazione della Deliberazione del Consiglio Comunale competente per territorio che disponga la corretta trasposizione della scarpata e da cui consegua l’eliminazione del relativo graficismo dalla Carta delle Pericolosità.

Continue reading

Elettrodotto: testimonianze di un dramma

#NoTerna | Il dramma che si sta consumando attorno a noi. La voce e il cuore di chi resiste e non accetta di farsi portar via il proprio terreno e vedervi sorgere un ecomostroLa disperazione di chi è stato espropriato senza darne consenso.

L’indifferenza è una colpa che può avere gravissime conseguenze; guardate questo video, condividetelo ovunque!

Continue reading

Terna svela il suo vero volto!

C.da Sant’Onofrio, Lanciano (CH), 8 luglio 2015.

Anche oggi, come in tante altre occasioni, a partire da novembre 2014, alcuni proprietari hanno deciso di difendere la loro terra, la salute, i loro sogni, il loro futuro e i loro sacrifici, opponendosi ai decreti di immissione in possesso e alla prepotenza dei delegati di Terna insieme a più di 100 persone tra cittadini, comitati e amministratori locali.

dipafranca

 

 

 

 

 

A differenza di quanto accaduto fino ad ora, i delegati di Terna hanno palesemente espresso la volontà di innalzare il livello di conflitto poiché si sono letteralmente lanciati in corsa verso la proprietaria determinandone la caduta, e si sono palesemente buttati a terra senza essere toccati!

Di fronte a questa azione tutti i partecipanti, si sono stretti intorno a loro affinché non continuassero con la loro prepotenza.

 Tutto ciò è vergognoso, è vergognoso che per far valere i propri diritti debbano organizzarsi delle vere e proprie manifestazioni, che si debba gridare, e tollerare le provocazioni dei funzionari di Terna.

franca2franca3


Basterebbe che questi funzionari delegati scrivessero i verbali indicando e rispettando la volontà dei proprietari che si oppongono e con loro di tutti i cittadini che non vogliono vedere i propri territori e il proprio futuro devastato da progetti utili solo ai profitti di pochi: gli azionari della società Terna.

Le opposizioni continueranno. Chiediamo alle istituzioni che hanno autorizzato l’opera di intervenire tempestivamente affinché non venga innalzato tale livello di conflitto, e affinché i delegati di Terna rispettino la volontà della comunità.