Abruzzolive.tv 01/12/2015

Elettrodotto Villanova – Gissi. Terna contro attivista: chiesti 16 milioni di danni con 24 citazioni

Lanciano (Chieti) – 16 milioni di euro di danni e 24 citazioni in giudizio, che quasi certamente saranno raggruppate, dalla magistratura, in un unico procedimento civile. E’ la rappresaglia di Terna spa, società che sta costruendo l’elettrodotto Villanova – Gissi, nei confronti di Silvia Ferrante, attivista contraria all’opera. Alcuni piloni dell’ elettrodotto, infatti, sono stati eretti ad appena ottanta metri dall’ abitazione, in cui lei vive assieme al compagno e al figlio. Se l’opera verrà completata, Silvia e la sua famiglia saranno sottoposti ad elettromagnetismo, a cui l’organizzazione mondiale della Sanità (Oms) raccomanda di esporsi il meno possibile e con il rischio di aumentare la possibilità dell’insorgenza di leucemie infantili, come ha testimoniato lo Iarc (International agency for research on cancer).

Continua a leggere su Abruzzolive.tv

20151201 Terna contro attivista_cover

Abruzzo Independent 01/12/2015

ELETTRODOTTO VILLANOVA-GISSI, 16.000.000 DI EURO CHIESTI AD UNA MAMMA ATTIVISTA

Terna cita 24 volte in giudizio una donna che difende la salute di suo figlio e il suo territorio da un’opera inutile e a rischio idrogeologico

Difendendo la terra e il futuro dei propri figli a volte è pericoloso e si rischia di dover pagare un prezzo altissimo, decine di milioni di euro se la controparte di chiama TERNA S.p.a che ha in mente ri realizzare un eltrottodotto per il trasporto dell’energia lungola direttrice Villanova-Gissi. Il colosso dell’energia italiana ha, infatti, notificato ben 24 citazioni alla madre e attivista Silvia Ferrante, che vive con la sua famiglia proprio accanto all’opera in fase di realizzazione. In realtà sono diversi gli attivisti/proprietari raggiunti dalle citazioni di TERNA ma il caso di Silvia Ferrante rappresenta un record forse di livello nazionale. Durissimo il commento del Forum del Movimento per l’Acqua Pubblica che si lancia in un profondo excursus di quanto sta avvenendo.

Continua a leggere su abruzzoIndependent.it

20151201_mil euro mamma attivista_cover

Il Centro del 29/11/2015

Lanciano, Terna chiede 16 milioni alla mamma anti elettrodotto

Silvia Ferrante si oppone al pilone vicino alla sua casa: citata in giudizio 24 volte Dopo aver lottato tanto i Del Bello hanno visto i tecnici entrare nel loro terreno.

LANCIANO. Silvia Ferrante è una mamma e un’attivista. Assieme al suo compagno lotta per non dover vivere, a soli 80 metri dalla sua casa a Paglieta, sotto l’ombra di un pilone ad altissima tensione che reggerà i cavi dell’elettrodotto Villanova-Gissi della società elettrica Terna. Non ha lottato solo per sè e la sua famiglia, ma ha sposato la rabbia e la protesta di decine di altri proprietari come lei attraverso picchetti, manifestazioni e assemblee pubbliche. Oggi Terna le chiede, distribuiti in 24 atti di citazione, uno distinto dall’altro, ben 16milioni di euro. Ventiquattro processi diversi, per 24 giudici e altrettante cause che si moltiplicheranno all’infinito tra rinvii, ricorsi ed eventuali testimonianze. Mercoledì Silvia racconterà la sua incredibile storia. «Nelle 24 citazioni», anticipa, «si chiedono da 630mila a 900mila euro, ma solo per le immissioni sui terreni in cui è previsto il passaggio aereo dei cavi. Tra queste mai nessuna citazione per le manifestazioni avvenute su terreni in cui dovrebbero sorgere i piloni».

Continua a leggere su Il Centro.

20151129 Il Centro Citazione danni mamma_cover